“raccolta firme” e “legge elettorale”: sperare?

Uno slogan che abbiamo ripetuto di sovente provando a occuparci del tema della “raccolta firme” è stato, con chiara formula interrogativa (e allusiva) … “continuità o cambiamento”?

E quella che è stata una delle news che hanno fatto capolino “nazionale” riteniamo non faccia che rinnovare lo sforzo ad occuparci del tema: abituati al piemontese #firmopoli (#ahinoi) siamo evoluti in #listopoli, i “candidati a loro insaputa” alle elezioni amministrative di #Napoli.

Dunque … “se tutti sanno che è un lavoro burocratico inutile, se tutti lo fanno in modo irregolare, se tutti si scontrano con una burocrazia da loro stessi creata in modo ottuso e senza senso, se nessuno propone di passare a modalità più intelligenti e moderne che riguardano l’inizio stesso dell’attività democratica e partitica, come possiamo sperare che le stesse persone propongano riforme reali su argomenti ben più complessi? come possiamo credere che siano capaci di fare uscire l’Italia dalle pastoie in cui l’hanno messa?”

Certo, indipendentemente dal fatto che si tratti di più casi, la questione della “procedura elettorale” (e non soltanto la vicenda del “sistema elettorale”) “interroga” da tempo le responsabilità politiche in primis nazionali. E la riproposizione della precedente affermazione non è “collocata” ne riproposta a caso perché il candidato Sindaco che si è ritrovato così tanti “candidati” a loro insaputa che l’appoggiavano è anche “onorevole”; chi meglio di Lei, in quanto compartecipe della “legge elettorale” dichiarata in parte incostituzionale, potrà quindi, nelle prossime settimane, affrontare il tema non solo di “legge elettorale” ma dell’intero sistema su cui poggia il procedimento elettorale nel suo complesso?

Sperare?

Il problema, ne siamo consapevoli, non é certo solo di “legge elettorale”, ma non ci piace pensare che si debba sempre attendere il solo ed esclusivo vaglio della #magistratura o della Corte Costituzionale (#giuristocrazia la chiamerebbe qualcuno) per dare una rappresentanza evoluta al Paese ed una buona dose di stabile governabilità.
Anzi.

( …) https://ilmanifesto.it/napoli-candidata-a-sua-insaputa-la-…/